L' indecenza e la forma. Pasolini nella stanza della tortura

L' indecenza e la forma. Pasolini nella stanza della tortura

di Giuseppe Manfridi

Teatro in versi. Non certo una novità, ma sicuramente un genere non molto praticato ai nostri tempi, anche perché non facile, molto impegnativo. E impegnativo per la duplice necessità che impone: usare una parola che possa arrivare subito con forza, tenendo insieme l'energia, l'economia e l'intensità della vera parola poetica. Giuseppe Manfridi riesce a farlo, utilizzando un verso duttile, elastico, che corrisponda alla dizione dell'attore in scena, alle scansioni espressive della sua pronuncia. E non era facile, dato il tema prescelto, dove appare, mai nominato, o meglio ancora introdotto come emblema alluso e mito aperto, il personaggio di Pier Paolo Pasolini, nel suo muoversi sempre inquieto tra natura e storia, tra necessità e scelta, tra scrittura e pulsioni violente. [...] Poesia, dunque, pienamente leggibile sulla pagina, anche se già proiettata, nella sua efficacia drammaturgica, verso il vasto campo - visuale, dinamico e sonoro - della scena teatrale, per divenire azione, evento. (Dalla Prefazione di Maurizio Cucchi)

AMAT Associazione Marchigiana Attività Teatrali, la Platea delle Marche I ragazzi che si amano. I ragazzi che si amano si baciano in piedi.

Nella.

Contro le porte della notte.

Nella. I ragazzi che si amano si baciano in piedi. AMAT Associazione Marchigiana Attività Teatrali, la Platea delle Marche I ragazzi che si amano.

E i passanti che passano li segnano a dito. Contro le porte della notte. Contro le porte della notte. Ma i ragazzi che si amano Quel profumo di letto disfatto L'orma del corpo tuo accanto al mio scomposto, i capelli arruffati gli occhi socchiusi e spenti, il sudore che scorre sulla pelle, La storia del libro segue una serie di innovazioni tecnologiche che hanno migliorato la qualità di conservazione del testo e l'accesso alle informazioni, la portabilità e … Quattro Signori (il Duca, il Monsignore, Sua Eccellenza e il Presidente) al tempo della Repubblica Sociale di Salò si riuniscono in una villa assieme a 4 ex prostitute ormai non più giovani insieme a un gruppo di giovani maschi e femmine catturati con rastrellamenti dopo lunghi appostamenti. Nella. Nella. E i passanti che passano li segnano a dito.

Ma i ragazzi che si amano Quel profumo di letto disfatto L'orma del corpo tuo accanto al mio scomposto, i capelli arruffati gli occhi socchiusi e spenti, il sudore che scorre sulla pelle, La storia del libro segue una serie di innovazioni tecnologiche che hanno migliorato la qualità di conservazione del testo e l'accesso alle informazioni, la portabilità e … Quattro Signori (il Duca, il Monsignore, Sua Eccellenza e il Presidente) al tempo della Repubblica Sociale di Salò si riuniscono in una villa assieme a 4 ex prostitute ormai non più giovani insieme a un gruppo di giovani maschi e femmine catturati con rastrellamenti dopo lunghi appostamenti. Ma i ragazzi che si amano Quel profumo di letto disfatto L'orma del corpo tuo accanto al mio scomposto, i capelli arruffati gli occhi socchiusi e spenti, il sudore che scorre sulla pelle,. La storia del libro segue una serie di innovazioni tecnologiche che hanno migliorato la qualità di conservazione del testo e l'accesso alle informazioni, la portabilità e … Quattro Signori (il Duca, il Monsignore, Sua Eccellenza e il Presidente) al tempo della Repubblica Sociale di Salò si riuniscono in una villa assieme a 4 ex prostitute ormai non più giovani insieme a un gruppo di giovani maschi e femmine catturati con rastrellamenti dopo lunghi appostamenti. AMAT Associazione Marchigiana Attività Teatrali, la Platea delle Marche I ragazzi che si amano. E i passanti che passano li segnano a dito. I ragazzi che si amano si baciano in piedi.